3

Fotovoltaico 2018 Previsioni e tendenze dei prezzi

Il 2017 si preannuncia come un anno di stasi sul fronte della crescita delle installazioni in Italia. Anche per quel che riguarda i prezzi nulla è cambiato rispetto all’anno precedente e non si prevedono ribassi sostanziosi per il 2018. Come tutti sanno il settore è rimasto orfano già da quattro anni degli incentivi del Conto Energia, esauriti nel 2013.

Al momento non è previsto un Sesto Conto Energia che possa dar vita ad un’impennata di richieste di moduli fotovoltaici. Così, chi decide di passare alla produzione di energia elettrica tramite questa fonte rinnovabile conta soltanto sulle proprie gambe. Il trend è questo. Nessun incentivo in vista.

La convenienza ad ogni modo esiste sempre, ne abbiamo già parlato, anche perchè nel frattempo i prezzi dei moduli fotovoltaici sono scesi abbastanza. Il ribasso sarebbe stato ancora piú forte senza i dazi a cui sono sottoposti i prodotti cinesi in Europa, ma non sbagliamo nel dire che si recupera l’investimento iniziale di un impianto fotovoltaico casalingo in 7-8 anni.

La storia poi non è finita, perchè un sistema del genere continua a produrre energia anche per altri 20 o 30 anni. C’è solo un leggero degrado nelle prestazioni, a 20 anni si ottiene l’80% del rendimeno iniziale.

Tendenze per il 2017 2018

costo impianto fotovoltaico 2018: la discesa dei prezzi dei moduli fotovoltaici è piú lenta rispetto al passato, ma rimane comunque costante. Il grafico qui sotto è abbastanza chiaro. In blu abbiamo lo storico in dollari Usa del prezzo di un impianto PV completo al dettaglio. Per completo si intende il pacchetto comprendente moduli fotovoltaici, inverter, staffe per il fissaggio, progettazione, installazione, allaccio alla rete elettrica di casa e collaudo.

prezzi fotovoltaico 2017 2018

Come potete vedere nel 2017-2018 ci troviamo nella fascia di costo a cavallo di 1,5 dollari, quindi, al cambio attuale, 1400 euro che è il costo pannelli fotovoltaici al kw (escluso inverter).  Significa che un impianto fotovoltaico da 3 Kwp costa all’ incirca 1400 euro x 3, quindi 5200 euro. Ed in effetti le quotazioni sono queste, leggermente toccate al rialzo. Per la nostra esperienza possiamo riassumere i costi attuali, frutti di statistiche prezzo negozi online e fisici, in questo modo:

  • impianto con moduli ad alto rendimento, ad esempio SUNPOWER o Panasonic: 2200 euro al Kilowatt tutto compreso
  • impianto con moduli di buona qualità europei o giapponesi, ad esempio BOSCH, SHARP 2000 euro al KW
  • impianto con moduli cinesi di buona qualità, ad esempio TRINA, YINGLI, SUNTECH 1800-1900 euro al Kw

Il costo dei moduli

se invece ci riferiamo ai singoli moduli fotovoltaici possiamo dare un’occhiata al listino di ENERGYTREND, che è un po’ la Bibbia mondiale per chi fa trading con pannelli solari. fotovoltaico prezzi 2017 : al momento le quotazioni i moduli a silicio cristallino oscillano tra i 0,41 e 0,39 dollari per watt per la fascia alta di prodotto. Date un’occhiata alla foto qui sotto.

prezzo-moduli-fotovoltaici

Si va poi sulla fascia 0,36-0,32 per i prodotti di media qualità. Lo standard medio riportato è di moduli con potenza di 270-280 watt. Ovviamente si tratta di prezzi che Energy Trend ha estrapolato tramite questionari e sondaggi telefonici presso le aziende produttrici. A questi prezzi va aggiunto il margine di guadagno dei distributori, del venditore finale, eventuali dazi e IVA, in Italia per prodotti del genere è del 10%.

Arriviamo ad un costo di 70 centesimi di euro per un modulo di media qualità. Non male se pensiamo che nel 2012 il prezzo era triplo. E’ vero che ci si rifaceva con le tariffe incentivanti del Conto Energia, ma le cose alla fine non cambiano molto.

Se diamo un’occhiata a quello che accade nel resto del mondo ci accorgiamo che la domanda di pannelli fotovoltaici è sempre forte. I paesi che trainano il settore sono CINA ed India. L’aumento della domanda potrebbe portare anche ad un repentino rialzo iniziale dei prezzi seguito da una flessione nel tempo. Non ci sono soltanto i moduli PV a scaldare il settore, ma anche quelli thin film utilizzati per le superfici verticali, vetrate fotovoltaiche, e le batterie per impianti di accumulo.

I prezzi di batterie per sistemi Off Grid

in molti si stanno sempre piú interessando ai sistemi off-grid, il cosiddetto fotovoltaico ad accumulo. Ci si rende indipendenti energeticamente da qualsiasi gestore elettrico. Rispetto alla media del periodo gennaio-marzo 2017, i prezzi di batterie al litio per dispositivi fotovoltaici sono già saliti di oltre il 15% . L’andamento dei prezzi delle batterie ha cominciato ad essere preso in esame dal 2016, quando il mercato globale di cobalto ha visto un impennata dei costi dato che la Cina ha messo in atto una maggiore restrizione all’estrazione mineraria di minerali di cobalto. Nel febbraio e marzo di quest’anno, il mercato di cobalto ha registrato un grande alzo nel prezzo. Di conseguenza, la tendenza dei costi delle batterie è rivista al rialzo.

Le nuove tecnologie però potrebbero farci delle belle sorprese. Tesla, famosa produttrice di auto elettriche, dice che si arriverà presto a 150 dollari per Kwh. Attualmente siamo al triplo del prezzo e per risparmiare si usano quelle al piombo acido, molto meno efficienti, piú ingombranti e pesanti.

Vale la pena investire nel fotovoltaico?

se pensate di guadagnare come si faceva una volta lasciate perdere. Il Conto Energia è terminato da parecchi anni, i prezzi dei moduli però sono scesi. Oggi chi intende montare un impianto fotovoltaico sul tetto di casa lo fa per risparmiare sulla bolletta. Chi vuole sfruttare terreni agricoli o capannoni industriali può rivendere l’energia. Ma non pensate di arricchirvi.

Vale la pena però investire. Su un tetto del Nord Italia un sistema da 3Kw produce anche 3500 kilowatt l’anno, un consumo medio di una famiglio. In otto anni si recupera la spesa iniziale e si ha energia gratis, o quasi per il resto degli anni a venire.

Facciamo finta che il 60% della corrente si autoconsumi mentre il 40% viene messa in rete. La notte, quando non c’è il sole, le parti si invertono. Il problema è che con lo scambio sul posto (il sistema del GSE che ci permette di vendere energia al gestore che poi ce la cede di notte), acquistiamo a 3 la corrente che ci hanno pagato ad uno. Un po’ ci perdiamo. La cosa migliore è quella di consumare il piu’ possibile la corrente di giorno, quando c’è l’insolazione massima.

Se poi parliamo di un luogo in cui la corrente non arriva quella del kit fotovoltaico è una scelta obbligata. Pensiamo ad una barca, baita di montagna. Si acquistano i moduli, l’inverter, le batterie, i contatori, il regolatore di carica ed il gioco è fatto. Un kit fotovoltaico da 1 Kw costa circa 1500-1700 euro.

 

 

Condividi se ri è piaciuto...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on Pinterest

Sergio Rondinelli

esperto nel settore delle energie rinnovabili con particolare attenzione al fotovoltaico e solare

3 Comments

  1. bellissimo articolo, io credo che bisogna puntare forte sul fotovoltaico, ora il petrolio viaggia 40-50 dollari al barile ma vi ricordate quando era arrivato a 100? l’auto elettrica, vedi i successi di Tesla, inoltre darà altri spunti per investire sulla produzione di energia elettrica dal sole

  2. costo pannelli fotovoltaici al kw, mi hanno detto che siamo intorno ad 1 euro, è esatto come preventivo? grazie mille e complimenti

    • se intendi il prezzo dei soli moduli fotovoltaici la stima è corretta, dipende ovviamente dalla marca scelta. Bisogna poi aggiungere le spese sostenute per l’acquisto di inverter, staffe per il supporto, contatori, cavi, progettazione ed installazione, possiamo dire che siamo attualmente sui 1800-2000 euro per Kilowatt di potenza installata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *